Un programma politico che alla Rete L’ABUSO piace molto perché parla di investire nel pubblico, nella prevenzione e nella riqualificazione della scuola, asili ed attività per i più piccini e Meles lo ha espresso chiaramente domenica 12 in Piazza Sisto, nell’incontro in cui ha trovato l’appoggio dell’ex premier Giuseppe conte.

La Rete L’ABUSO aveva incontrato già qualche giorno prima il candidato che mortificato si era dispiaciuto per il colpo basso del SECOLO XIX, che nelle domande ai candidati savonesi aveva omesso l’esistenza di un protocollo in tutela dei minori e che indirettamente lo aveva coinvolto con l’astensione all’a sua adesione politica, malgrado il suo programma davvero laico e in vero sostegno della città di Savona e delle fasce più deboli.

Manuel Meles aderendo all’iniziativa della Rete L’ABUSO HRC dichiara ; La tutela dei minori è un tema a me molto caro è altrettanto delicato. Da una parte è fondamentale costruire una rete di servizi per garantire ai minori tutto il supporto educativo e pedagogico e dall’altra proteggerli da abusi e violenze.

Intendiamo potenziare gli asili e i servizi educativi, abbassando le rette e realizzando un polo per l’infanzia 0-6, costruendo una fitta rete di servizi che vada incontro ai bisogni di tutte le famiglie. È fondamentale, dal lato della tutela, richiedere il certificato antipedofilia per ogni ambito in cui si opera con minori: oltre a quanto già previsto dalla legge, intendiamo introdurlo come requisito all’interno di concessioni di spazi e impianti anche per chi opera nei settori in cui non è obbligatorio.

A Savona per ora restano latitanti per il momento le sole liste di Marco Russo (Savona che verrà) e Angelo Schirru (Savona avrò cura di te)

Di Francesco Zanardi

Potevo ma non mi sono sentito di diventare un giornalista. Vivendo in Italia sarebbe stato uno spreco e così ho preferito da sopravvissuto agli abusi sessuali del clero, rimanere un umile blogger, che vuole vivere degnamente la propria vita, illuminato dalla luce di una nobile causa. Fondatore e Presidente della Rete L'ABUSO