COMUNICATO STAMPA – Covid19 la denuncia della sezione Human Rights Connect alle Regioni italiane

È stato notificato questa mattina dall’ufficio di Presidenza dell’avvocatura – sezione Human Rights della Rete L’ABUSO – un esposto denunzia indirizzato a tutte le Procure della Repubblica dei capoluoghi di provincia italiani, eccezionalmente alla sola Procura di Savona, per competenza territoriale dei fatti, di cui si chiede alle restanti Procure di verificarne le documentate omissioni emerse nel savonese.

Nella sintesi, secondo le accuse formulate, a fronte della circolare del Ministero della Salute “OGGETTO; Polmonite da nuovo coronavirus (2019 – nCoV) in Cina” emessa in data 22 gennaio 2020, nulla sarebbe stato attuato in primis per tutelare operatori sanitari e medici, da parte delle amministrazioni locali, che pur emettendo decreti regionali, nulla avrebbero fatto al fine di impedire lo spostamento di cittadini, verificare l’infettività degli stessi, favorendo deliberatamente la pandemia, attraverso i c. d. positivi asintomatici e, non sarebbe intervenuta per fornire strumenti di tutela, sia agli operatori (tra i quali si contano centinaia di decessi) che alla cittadinanza.

Nell’atto si cita come unico esempio positivo, quello del Governatore del Veneto Luca Zaia, che a fronte della pandemia ed in violazione alle linee guida – utilizzando il semplice buonsenso – è intervenuto facendo con macchinari acquistati autonomamente, tamponi a tutta la popolazione censendo gli infetti, limitando così la propagazione del virus.

Nel caso documentale della Regione Liguria (portato come esempio e di cui si chiede la verifica nelle altre Regioni della penisola) documentiamo casi di positività a fronte dei quali è stata imposta la quarantena al paziente, soltanto 10 – 15 giorni dopo l’accertata diagnosi, a fronte della quale non sarebbero stati forniti sollecitamente i c. d. kit per gli infettivi, permettendo così che questi non potessero isolare la propria immondizia, da quella comune.

Operatori sanitari delle R.S.A. ai quali non sarebbe stato effettuato il tampone, neppure a fronte della positività di colleghi e pazienti, con il conseguente risultato di produrre un numero di decessi (solo nelle R.S.A) quasi pari a quello della popolazione ordinaria.

Stessa cosa per chi tra la popolazione lamentava sintomi verosimilmente riferibili al covid19, ai quali molto spesso non è stato prestato alcun soccorso (malgrado alcuni fossero immunodepressi) o che dopo essere stati ricoverati con sintomi sospetti, sono stati dimessi senza mai effettuare il tampone, con diagnosi di semplice bronchite.

In data odierna – a tre mesi dall’inizio della pandemia – solo una minima parte della popolazione è stata sottoposta preventivamente al tampone e malgrado ciò, con un rischio altissimo per l’intera popolazione, nell’incapacità dell’esecutivo e delle amministrazioni locali di sostenere anche economicamente cittadini e aziende e, che come unica disastrosa soluzione hanno messo l’intero paese in quarantena senza poi intervenire, si parla di riapertura delle attività.

Un gesto incosciente, soprattutto alla luce del fatto che i c.d. positivi asintomatici mai censiti, finiscano per infettare a loro insaputa, quella parte di popolazione attualmente sfuggita al virus.

L’Ufficio di Presidenza

Diffida al Sindaco di Savona Ilaria Caprioglio

In riferimento all’ordinanza emessa dal Sindaco di Savona Ilaria Caprioglio, la diffida ad adempiere inviata.

ATTO DI DIFFIDA AD ADEMPIERE

e

MESSA IN MORA

Il sottoscritto Francesco Zanardi, nato a Torino il 19 luglio 1970 e residente in Savona, via Giuria 3/28, in proprio ed in qualità di Presidente pro tempore dell’associazione Rete L’ABUSO Human Rights Connect, iscritta al registro nazionale “politiche sociali, terzo settore, immigrazione e pari opportunità” C.F. 92111440092, relativamente all’ordinanza firmata dal Sindaco di Savona Ilaria Caprioglio nella quale si vieta alla popolazione l’accesso a negozi, uffici, mezzi pubblici ecc. se non muniti di mascherine ecc.

DIFFIDA

Il Sindaco di SAVONA Ilaria Caprioglio affinché nell’immediato, massimo 12 ore dal ricevimento della presente, fornisca alla popolazione savonese – alla quale attualmente, a seguito dell’ordinanza, viene di fatto negato il diritto di accede ai più basilari servizi di prima necessità – tutti gli strumenti imposti nell’ordinanza N° 19 del 15/04/2020, affinché, la popolazione stessa non sia istigata e costretta per la sua stessa sopravvivenza, alla violazione delle norme in atto.

Francesco Zanardi

Presidente della Sezione Human Rights Connect della Rete L’ABUSO

SAVONA: Rete L’ABUSO cita in giudizio la diocesi

Gli avvocati della Rete L’ABUSO, Elena Peruzzini (del Foro di Genova) e Francesca Rosso (del foro di Savona) , hanno depositato, pochi giorni fa, due delle cinque citazioni che chiamano in giudizio direttamente la diocesi di Savona, la cui omissività ha permesso che don Nello Giraudo (denunciato all’allora vescovo di Savona Giulio Sanguineti già lo stesso anno dell’ordinazione sacerdotale) continuasse per quasi 30 anni ad abusare dei minori a lui affidati.

I fatti emersero schiaccianti dall’indagine della Procura, e anche dal provvedimento di archiviazione per intervenuti termini di prescrizione emesso nel 2012 dal Gip di Savona, Fiorenza Giorgi, nei confronti dell’allora vescovo Dante Lafranconi, accusato di omissione.

Malgrado fosse nella facoltà del Lafranconi chiedere di ignorare la prescrizione e procedere, chiarendo la sua posizione di sostenuta innocenza,  preferì rinunciare a questo suo diritto.

Le parole del Gip nell’archiviazione furono durissime “la disposta archiviazione nulla toglie alla pesantezza della situazione palesata dalle espletate indagini dalle quali è emerso come la estrema gravità delle condotte criminose del Giraudo non fosse stata per nulla considerata; dai documenti, perfettamente in linea con l’atteggiamento omissivo del Lafranconi, risulta – è triste dirlo – come la sola preoccupazione dei vertici della Curia fosse quella di salvaguardare l’immagine della diocesi piuttosto che la salute fisica e psichica dei minori che erano affidati ai sacerdoti della medesima e come principalmente (per non dire unicamente) per tale ragione l’allora vescovo di Savona non aveva esercitato il suo potere-dovere  di controllo sui sacerdoti e di protezione dei fedeli. Altrettanto triste è osservare come, a fronte della preoccupazione per la “fragilità” e la “solitudine” del Giraudo e il sollievo per il fatto che “nulla è trapelato sui giornali”, nessuna espressione di rammarico risulta dai documenti agli atti a favore degli innocenti fanciulli affidati alle cure del sacerdote e rimasti vittime delle sue “attenzioni”.

Nel giugno del 2017, insidiato a Savona il nuovo vescovo Calogero Marino – L’associazione Rete L’ABUSO che tutela le cinque vittime e che, eccezionalmente in questo processo, vede tra queste anche il suo Presidente e fondatore Francesco Zanardi – essendo in procinto di avviare un’azione legale, ritenne opportuno, per correttezza, tentare un accordo tra le parti con il neo vescovo di Savona.

Apparentemente i presupposti potevano anche esserci, ma la proposta della diocesi era  al limite della decenza: come indennizzo alle vittime proposero un numero verde per le segnalazioni, gestito però dalla chiesa e dove le vittime indennizzate non avrebbero neppure potuto lavorare.

Vista la mancanza di presupposti, l’onerosa decisione dell’Associazione, fu quella di avviare un processo civile.

La diocesi savonese, per le cinque vittime è citata in giudizio per un totale di quasi 5 milioni di euro, una cifra non decisa dall’Associazione né dalle vittime, ma dalle tabelle (in Italia quella del Lazio o della Lombardia) che sulla base del danno biologico diagnosticato da un esame peritale, ne regolano l’indennizzo.

Nello specifico caso il danno biologico è, purtroppo, per alcuni elevatissimo. Parliamo di ragazzini (3 dei 5) che all’epoca furono sottratti alle famiglie dai servizi sociali, poi affidati al Giraudo, che dedicò loro le sue “particolari” attenzioni sessuali.

A aumentare notevolmente il danno, questa volta su tutte e cinque le vittime, il mancato soccorso da parte della chiesa, che già all’epoca era ben consapevole delle tendenze pedolfile del prete e che intervenendo repentinamentre, avrebbe potuto quanto meno limitare il danno psicofisico.

Pochi giorni fa, terminate le sedute peritali e ottenuta l’entità del danno biologico, gli avvocati Elena Peruzzini, vice Presidente della Rete L’ABUSO e la collega Francesca Rosso, hanno notificato la citazione in giudizio, la cui prima udienza, è fissata per il 15 novembre 2019.

L’Ufficio di Presidenza

Rete L’ABUSO (sezione vittime)

8 marzo, Mattarella: “La condizione delle donne attesta il grado di civiltà di un Paese” Lettera aperta del Presidente della Rete L’ABUSO al Presidente della Repubblica Italiana.

Signor Presidente, nell’apprezzare il Suo lodevole impegno Istituzionale nella ricorrenza dell’8 marzo, in qualità di cittadino italiano vittima del clero, oggi Presidente della Rete L’ABUSO, l’unica realtà che in Italia documenta, denuncia e sostiene le vittime della pedofilia clericale, sulla base della non negoziabilità dei diritti, mi rivolgo a Lei.

Da anni portiamo avanti una battaglia per il riconoscimento, su basi Costituzionali, dei diritti delle vittime italiane.

Mi rivolgo a Lei, signor Presidente, proprio in quanto garante della Costituzione Italiana, oltre che Presidente di questa Repubblica, il cui Parlamento, il 27-11-2017, attraverso un’interrogazione parlamentare a risposta scritta indirizzata al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dell’interno, al Ministro della giustizia, al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, informava le Istituzioni competenti, di gravi e peculiari problematiche a danno di cittadini italiani, nella particolare specie minori abusati da membri del clero cattolico.

Il 19 febbraio 2018, per conto della Rete L’ABUSO, l’avvocato Mario Caligiuri, con una Diffida ad adempiere, diffidava: la Presidenza della Repubblica, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Centro Regionale di informazione delle Nazioni Unite, la Presidenza della 12° Commissione affari sociali.

Il 18 ottobre 2018, sempre per conto della rete l’ABUSO, l’avvocato Mario Caligiuri denunciava, all’attenzione del Procuratore capo della Procura della Repubblica di Savona, il Governo, con l’accusa di essere inadempiente: le Istituzioni italiane non hanno mai dato doverosa risposta alle precedenti istanze dell’associazione. Inoltre, a diverse notizie di reato, si aggiungevano fondate motivazioni su un favoreggiamento, da parte dello Stato italiano, in favore del clero e in danno ai propri cittadini. In tempi rapidissimi (26-10-2018) il fascicolo, sottoscritto tra le altre cose dai membri fondatori dell’associazione internazionale ECA Global, veniva archiviato. La stessa Procura della Repubblica non si è fatta onere di trasferire per competenza almeno le notizie di reato procedibili d’ufficio, malgrado queste fossero anche sottoscritte dalle parti.

Il 7 febbraio 2019, anche l’Alto Commissariato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite di Ginevra, si pronunciava sul problema italiano dei preti pedofili, individuando nell’Autorità Giudiziaria e anche nelle Istituzioni, gravi inadempienze e chiedeva immediati interventi.

Signor Presidente, mi chiedo se anche la condizione dei minori attesti il grado di civiltà di un Paese, non potendo non notare che la Sua ultima pronuncia in materia risale al 2016 e, in questo caso, mi domando come sia possibile che un Paese come il nostro, pieno di diritti per tutti, ma che non garantisce neppure a coloro che, in quanto fanciulli, sono i cittadini più deboli, che grado di civiltà possa avere.

Fanciulle e fanciulli che un domani saranno la forza di questo paese, ma che vedo privi di reali garanzie, a loro danno e in favore di uno Stato estero.

Signor Presidente, mi chiedo ancora se il nostro è davvero un Paese civile, o se lo è solo sulla carta.

Con ossequio.

Francesco Zanardi

Presidente Rete L’ABUSO

SAVONA: abusi in parrocchia su un bimbo di 8 anni. Quando la cultura del silenzio rende le parrocchie fertile terreno di caccia per i pedofili.

Si sono concluse poche settimane fa le indagini della Polizia Giudiziaria di Savona che ha consegnato il fascicolo in Procura, titolare il Sostituto Procuratore Elisa Milocco.

15102010 savona palazzo di giustizia Franco Briano condotto davanti al procuratore persona arrestata dalla squadra mobile

I fatti si svolgono nella parrocchia di San Dalmazio in Savona dove, già nel 2011, la Rete L’ABUSO, a seguito di una segnalazione di una presunta vittima, portò all’arresto di Franco Briano, ex postino e coadiutore parrocchiale. In quella occasione le indagini della Procura non portarono a ravvisare reati commessi dal Briano nelle sue funzioni di coadiutore all’interno della parrocchia. La fece franca anche per quanto riguarda i presunti abusi nei confronti di Alessandro Pennestri, che all’epoca lo accusava, in quanto erano intervenuti i termini di prescrizione.

Questa volta però le cose potrebbero andare diversamente. I reati ai danni di un bimbo che all’epoca dei fatti aveva 8 anni, di cui è accusato Franco Briano e un altro collaboratore della parrocchia di S. Dalmazio, risalirebbero ai campi solari dell’estate del 2009 e, al momento, non sarebbero ancora raggiunti dalla prescrizione.

La presunta vittima, seguita dalla Rete L’ABUSO e, per competenza territoriale, vede la sua difesa assegnata per quanto concerne la parte penale, all’avvocato Riccardo Di Rella, del Foro di Genova, Segretario dell’Associazione. Per quanto riguarda invece la parte civile, alla dottoressa Elena Peruzzini, vice Presidente dell’Associazione, che si costituirà parte civile nel procedimento.

Questa ennesima triste vicenda, solleva una problematica nota e grave, che la Rete L’ABUSO denuncia da anni e che, grazie alla disponibilità del Senatore Savonese Matteo Mantero, era già stata sollevata in una interrogazione parlamentare del novembre 2017. Nei mesi scorsi, la Rete L’ABUSO ha ampiamente documentato anche questa lacuna al Comitato ONU per la tutela del fanciullo, che attraverso il membro del Comitato, il professor Jorge Cardona, è stata sollevata nelle sedute del 22 e 23 gennaio scorsi.

Il problema in questo caso nasce dal certificato anti pedofilia, che il legislatore non ha applicato all’intera categoria del volontariato, quella da sempre più a rischio e, guarda caso, quella alla quale appartengono anche i sacerdoti.

Paradossalmente, questa mancanza genera l’effetto opposto a quello che sarebbe lo scopo preventivo del certificato, ovvero indica ai predatori il terreno di caccia dove non vi sono controlli. Ora, se proviamo ad entrare nella mente di un pedofilo, la prima cosa evidente è che costui cerca ragazzini, e le parrocchie sono ben popolate. La seconda cosa, è tentare di cacciare in un terreno più sicuro possibile ed ecco qui che intervengono altri due fattori, il fatto che il certificato non è da esibire nell’ambito del volontariato, e la cultura del silenzio che la chiesa mantiene come costante, una garanzia per il pedofilo che, qualora venga scoperto, sa che il parroco non lo denuncerà per evitare lo scandalo.

L’Ufficio di Presidenza

Governo e preti pedofili, le preoccupazioni della Rete L’ABUSO dopo l’esamina all’Onu